Il gioiello Ossidiana nasce dalla nostra passione per le tradizioni della nostra terra. Questa pietra conosciuta fin dai tempi antica, deriva dalla fusione veloce della lava. In tal modo la roccia creata. In Sardegna è chiamata Perda de Tronu (pietra del tuono) o (perda crovina pietra del corvo). Nata dalla folgore divina, secondo le leggende, l’ossidiana proteggeva dai fulmini e dalla disgrazia e possiede molte qualità cristalloterapiche.

L’ossidiana è un vetro vulcanico la cui formazione è dovuta al rapidissimo raffreddamento della lava.  Molto ricercata nell’antichità per la fabbricazione di strumenti taglienti (prevalentemente coltelli) è stata una delle merci che ha animato il commercio del Mediterraneo e sostenuto la vita economica dei luoghi di estrazione, la Sardegna nel periodo preistorico. Oggi viene ancora lavorata in piccoli oggetti decorativi, monili, lame.

La Sardegna divenne l’epicentro di una fitta rete di scambi commerciali che portò a un rapido incremento demografico e a un dinamisno culturale, testimoniato dalla diffusione capillare della cultura detta di Ozieri, tra le più progredite nell’occidente mediterraneo, e del suo monumento principale, le Domus de Janas (case delle fate/streghe), dopo il nuraghe la testimonianza archeologica più tipica dell’isola. Un’età dell’oro (nero) che entrò in crisi con l’inizio dell’estrazione e della lavorazione del rame e finì definitivamente con la fusione del bronzo.

L’ossidiana, soppiantata dalla duttilità e malleabilità del bronzo, fu relegata alla produzione di oggettistica ornamentale, ma il fitto intreccio di scambi di cui era stata protagonista fornì un’ottima base di partenza per lo sviluppo della Civiltà nuragica, consentendo all’isola di conservare per almeno un altro millennio la sua centralità assoluta nell’occidente mediterraneo. Oggi é vietata la raccolta dell’ossidiana sarda la maggior parte della materia prima arriva dall’estero. Anche la nostra collezione ha provenienza estera.

E’ la ” pietra del guerriero “, il quale affronta ogni cosa con la calma e la riflessione di chi ha già conquistato la trascendenza alla morte.

Aiuta ad eliminare i blocchi del subconscio. Porta a conoscere il silenzio del “nulla”. Pietra che uccide l’illusione per dar vita ad una nuova capacità evolutiva.

L’ossidiana deve essere usata unicamente quando si è ben informati circa i suoi poteri e preparati a portare in atto i cambiamenti cui questa pietra, spesso senza tregua, costringe.

Gli intenti dell’ossidiana sono quelli di condurre la mente attraverso le zone oscure del subconscio allo scopo di definire un’identità del superconscio.

Agisce da specchio che riflette i difetti della nostra natura, esaltando le paure e gli atteggiamenti egocentrici che imprigionano le superiori qualità dell’anima.

L’ossidiana ci insegna che il buco nero dentro ognuno di noi equivale alla non-identificazione con la fonte della luce, cioè che è l’oscurità della paura e dell’egoismo a condurci alla nostra stessa autodistruzione.

E’ la pietra del benessere e dell’equilibrio. Tenetela nelle mani o appoggiate i piedi su due piccoli pezzi di ossidiana quando siete instabili o vi sembra di avere il fisico in disordine.

Usata per la meditazione permette di equilibrare l’emotività e, soprattutto, di entrare in contatto con la parte più oscura della nostra personalità.

VEDI I PRODOTTI   o   CERCA IL PUNTO VENDITA PIU’ VICINO

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento